MARGARET SANGER - "Il controllo delle nascite è il primo passo verso la libertà"

Pubblicato il 11 Maggio 2020 - Lettura in 3 min.

null

Margaret Sanger, infermiera e scrittrice statunitense, attivista instancabile dedicò tutta la sua vita a difendere e garantire i diritti umani. Il diritto di ogni donna di controllare la sua fertilità, il diritto di ogni genitore di essere libero di decidere insieme il momento del concepimento e il diritto di ogni bambino di essere desiderato.

Sesta di undici figli, Margaret ha sedici anni quando vede sua madre, Anne Purcell, morire affetta dalla tubercolosi e da un tumore uterino. Margaret dovette assistere inerme al lento processo di indebolimento fisico di sua madre che la portarono alla morte all’età di appena 49 anni. Anne condusse 18 gravidanze (con 11 nascite vive) in un lasso di tempo di 22 anni.

Conobbe molte donne spossate e indebolite a causa di numerose gravidanze, e di frequente dovette assisterle mentre soffrivano per le conseguenze degli aborti autoinflitti che spesso le portavano alla morte. Raccontò di aver sentito una donna chiedere a un medico come fare per non restare di nuovo incinta, il medico le disse di dire al marito di dormire sul tetto. La donna morì sei mesi dopo a causa di un aborto.

La crociata che portò avanti per tutta la vita iniziò nel 1912, prima che fosse stata inventata la frase “controllo delle nascite” e quando le parole “prevenzione del concepimento” erano considerate un tabù.

Nel 1914 fonda il mensile «The Woman Rebel», una delle prime riviste a parlare di prevenzione sul tema delle nascite. Nel 1916, all’età di 37 anni, apre a Brooklyn la Sanger Clinic, la prima clinica negli Stati Uniti per il controllo delle nascite. Nel 1921 fonda l’”American Birth Control League” (ABCL), che nel 1946 sarebbe diventata la Planned Parenthood Federation of America, l’organizzazione americana di cliniche non profit. Nel 1951 incontra il biologo Gregory Pincus e sostenne economicamente la ricerca per lo sviluppo della prima pillola anticoncezionale, l’Enovid. La pillola fu approvata dalla FDA come contraccettivo nel 1960.

Nel corso della sua carriera Sanger venne arrestata innumerevoli volte semplicemente per aver voluto esprimere apertamente le sue idee durante un’epoca in cui parlare pubblicamente di contraccettivi era illegale.

Sanger era fervente sostenitrice che la pianificazione familiare e la regolazione della fertilità fossero essenziali per dare alle donne più diritti e migliorare la loro vita.

È un circolo vizioso: l’ignoranza genera la povertà e la povertà genera l’ignoranza. L’unica cura consiste nello smettere di generarle entrambe… Sulle fondamenta di una maternità volontaria e illuminata sorgerà la civiltà futura.

Durante la sua stessa vita ha trasformato una speranza di milioni di donne in una rivoluzione che lei seppe da sola portare avanti con successo. Ricevette la medaglia dell’American Women’s Association nel 1931 per aver “combattuto una battaglia da sola … una pioniera dei pionieri”.

Morì il 16 settembre 1966 nella sua casa in Arizona, sei anni prima che l’FDA avesse approvato l’uso dell’Enovid come contraccettivo, e sei anni dopo il momento in cui la pillola divenne prescrivibile in tutti gli Stati Uniti.

Fu una delle donne che ispirò il personaggio di Wonder Woman e una delle cento persone più importanti del XX secolo secondo il Times.

Ti è piaciuto il post?

Iscrivi alla newsletter per rimanere aggiornato