HOT THIS WEEK IN PHARMACEUTICAL CHEMISTRY N.7

Pubblicato il 23 Luglio 2017 - Lettura in 2 min.

#hotthisweekinphchemistryIMG_2574.JPG

La sindrome della morte in culla, o sindrome di morte infantile improvvisa, in inglese _Sudden Infant Death Syndrome_ (SIDS), colpisce i bambini tra un mese e un anno di età. La sindrome di morte infantile improvvisa rappresenta la causa principale della mortalità postneonatale infantile, con un tasso complessivo di 0,40 morti SIDS per 1.000 nascite. La sua causa rimane tutt’oggi senza alcuna spiegazione, anche dopo l’indagine post-mortem.

Un recente studio, “High Serum Serotonin in Sudden Infant Death Syndrome” condotto da Robin L. Haynes e collaboratori del Children’s Hospital di Boston e dell’Harvard Medical School, è stato pubblicato sulla rivista scientifica statunitense Proceedings of the National Academy of Sciences (PNAS). 

Lo studio riporta che ~ 40% delle morti causate da SIDS sono associate ad anomalie dei livelli di serotonina (5-idrossitriptamina, 5-HT) nelle aree del sistema cerebrale critico nella regolazione omeostatica. I livelli nel sangue di 5-HT, sono risultati significativamente elevati (95%) nei neonati affetti da SIDS (n = 61) rispetto ai controlli  (n = 15). Questo risultato è stato confermato utilizzando la cromatografia liquida ad alta prestazione (HPLC): circa il 31% (1961) dei casi affetti da SIDS ha elevati livelli ematici di serotonina, rispetto alla media dei controlli. Non solo, i ricercatori hanno sottolineato nello studio la presenza di molteplici anomalie cerebrali correlate alla serotonina nei casi SIDS, tra cui una diminuzione dei livelli di serotonina nelle regioni coinvolte nella respirazione, nella frequenza cardiaca, nella pressione sanguigna, nella regolazione della temperatura e nel sonno.

Considerati i risultati, i ricercatori suggeriscono che un’anomalia nel metabolismo della serotonina potrebbe essere una “spia d’allarme” di una possibile vulnerabilità del neonato di essere a rischio SIDS. Non solo, ma l’elevato livello di 5-HT nel sangue potrebbe essere usato come potenziale biomarker in autopsie neonatali causate da SIDS con difetti serotoninergici.

Per leggere il paper completo qui il link… http://www.pnas.org/content/114/29/7695.full

Ti è piaciuto il post?

Iscrivi alla newsletter per rimanere aggiornato