HOT THIS WEEK IN PHARMACEUTICAL CHEMISTRY N.43

Pubblicato il 25 Marzo 2018 - Lettura in 2 min.

380F3879-1505-4050-9D4C-C99DEC931AE3.PNG

I ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (Mit) sono riusciti a realizzare il primo organismo su chip. Si tratta di una minuscola piattaforma in grado di connettere i tessuti di 10 organi e di replicarne accuratamente le complesse interazioni. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Scientific Reports. Quando sviluppano un nuovo farmaco, i ricercatori si basano sulle loro conoscenze della malattia per identificare il bersaglio migliore e realizzare composti adatti allo scopo. I test preliminari sugli animali offrono informazioni sulla sicurezza e l’efficacia delle sostanze, ma potrebbero non rivelare gli effetti collaterali. Inoltre, spesso composti che funzionano negli animali falliscono negli esseri umani. Per ovviare a questi problemi, i ricercatori, guidati da Collin Edington e Wen Li Kelly Chen, hanno realizzato una piattaforma che permette ai tessuti di crescere e interagire come farebbero nel corpo umano, imitandone tutte le funzioni principali. Ogni organo consiste in un agglomerato di 1 o 2 milioni di cellule che derivano da campioni prelevati direttamente dai pazienti e la piattaforma contiene anche minuscole pompe che controllano il flusso di liquidi tra gli organi, replicando la circolazione del sangue, delle cellule immunitarie e delle proteine.

Le applicazioni di questo chip nascono dal desiderio di sperimentare nuovi farmaci e scoprire possibili effetti collaterali prima che siano testati sugli esseri umani.

_Fonte:_ http://news.mit.edu/2018/body-chip-could-improve-drug-evaluation-0314

Ti è piaciuto il post?

Iscrivi alla newsletter per rimanere aggiornato