HOT THIS WEEK IN FARMACEUTICA YOUNGER N.127

Pubblicato il 16 Novembre 2019 - Lettura in 3 min.


La Food and Drug Administration statunitense ha approvato Fetroja (cefiderocol), un farmaco antibatterico dotato di un nuovo meccanismo d’azione nel trattamento di pazienti di età pari o superiore a 18 anni con complicate infezioni del tratto urinario (cUTI), che hanno una limitata o nessuna opzione di trattamento disponibile, inclusa la pielonefrite, causate da microrganismi Gram-negativi sensibili: Escherichia coli , Klebsiella pneumoniae , Proteus mirabilis , Pseudomonas aeruginosa , e Enterobacter cloacae.

Oltre 2,8 milioni di infezioni resistenti agli antibiotici si verificano ogni anno negli Stati Uniti. Le morti accertate sono di oltre 35.000 persone negli Stati Uniti e circa 25.000 nell’Unione Europea. L’Organizzazione Mondiale della Sanità e i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno identificato i ceppi di Enterobacteriaceae, P. aeruginosa e A.baumannii resistenti ai carbapenemi come la massima priorità nella ricerca e nello sviluppo di nuovi antibiotici.

L’importanza dell’approvazione di Fetroja rientra nella sfida globale che la FDA come molte agenzie regolatorie e sanitarie stanno affrontando nel tentativo di combattere la minaccia di infezioni resistenti agli antimicrobici.

Con l’approvazione odierna di cefiderocol, la comunità delle malattie infettive ora ha un nuovo tipo di antibiotico con un meccanismo unico di ingresso cellulare da aggiungere al loro kit di strumenti per aiutare nella complessità del trattamento di agenti patogeni altamente resistenti che si verificano con frequenza crescente in pericolo di vita infezioni.

Paula Garvey Manship, Chair of Medicine presso la Louisiana State University School of Medicine.

Cefiderocol è un antibiotico cefalosporinico con un nuovo meccanismo d’azione in grado cioè di penetrare la membrana cellulare esterna dei Gram-negativi agendo come un sideroforo, una piccola molecola con elevata affinità per il ferro. Dopo essere entrato nelle cellule per diffusione passiva attraverso i canali delle porine, Cefiderocol si lega al ferro ferrico e viene attivamente trasportato nelle cellule batteriche attraverso i trasportatori di ferro batterico, che hanno la funzione di incorporare questo nutriente essenziale per i batteri. Questo meccanismo d’azione consente a cefiderocolo di raggiungere concentrazioni più elevate nello spazio periplasmatico dove può legarsi alle proteine ​​leganti la penicillina e inibire la sintesi della parete cellulare nelle cellule batteriche.

La sicurezza e l’efficacia di Fetroja rispetto a imipenem/cilastatina (IPM/CS) sono state valutate in uno studio clinico che ha coinvolto 448 pazienti con cUTI. Dei pazienti a cui è stato somministrato Fetroja, il 72,6% ha avuto una risoluzione dei sintomi e l’eradicazione della patologia circa sette giorni dopo il completamento del trattamento antibiotico, rispetto al 54,6% nei pazienti che hanno ricevuto un antibiotico alternativo.

Fetroja ha ricevuto la designazione di QIDP (Qualified Infectious Disease Product) della FDA . La designazione QIDP viene data ai prodotti antibatterici e antifungini destinati a trattare infezioni gravi o potenzialmente letali. Come parte della designazione QIDP, a Fetroja è stata concessa la revisione prioritaria in base alla quale la FDA garantirà un’iter regolatorio accelarato.

Shionogi prevede di rendere disponibile sul mercato statunitense Fetroja all’inizio del 2020. Shionogi ha inoltre presentato una domanda di autorizzazione all’immissione in commercio di Fetroja all’EMA ad Aprile 2019.

La FDA ha concesso l’approvazione di Fetroja a Shionogi & Co., Ltd.

Ti è piaciuto il post?

Iscrivi alla newsletter per rimanere aggiornato