HOT THIS WEEK IN FARMACEUTICA YOUNGER N.106

Pubblicato il 23 Giugno 2019 - Lettura in 3 min.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha approvato Victoza (liraglutide) per il trattamento di pazienti pediatrici di età pari o superiore a 10 anni con diabete di tipo 2. Victoza è il primo farmaco non insulinico approvato per il trattamento del diabete di tipo 2 in pazienti pediatrici. La metformina fu approvata per uso pediatrico nel 2000, mentre Victoza è stato approvato per il trattamento di pazienti adulti con diabete di tipo 2 nel 2010.

Il diabete di tipo 2, la forma più comune di diabete, è dovuto sia all’insufficiente produzione di insulina dalle cellule β del pancreas che all’insulinoresistenza, cioè alla scarsa sensibilità delle cellule all’azione dell’insulina. Ciò si traduce in una inadeguata presenza di insulina per mantenere il livello di zucchero nel sangue a livelli normali. Sebbene il diabete di tipo 2 si manifesti principalmente in pazienti di età superiore ai 45 anni, il tasso di prevalenza tra i pazienti più giovani è aumentato drasticamente negli ultimi due decenni. Si stima che oltre 5.000 nuovi casi di diabete di tipo 2 vengono diagnosticati ogni anno tra i giovani statunitensi di età inferiore ai 20 anni, fatto questo correlabile all’aumento dei casi di obesità infantile.

Liraglutide è un analogo del GLP-1 (Glucagon-like peptide-1) e agisce come agonista del recettore del GLP-1, legandosi al recettore e attivandolo. Il GLP-1 è un peptide che promuove la secrezione d’insulina da parte delle cellule β del pancreas.Il GLP-1 nativo viene velocemente degradato ad opera delle DPP-4, ragion per cui il peptide in sé non può essere somministrato come tale. Liraglutide è stato progettato per essere omologato al 97% al GLP-1 nativo umano sostituendo la Lys34 con una Arg, in cui è stato inserito uno spaziatore costituito da acido α-glutammico, accoppiato ad un residuo di acido grasso. Ciò permette il legame del farmaco all’albumina, con una maggior permanenza in circolo, e un conseguente aumento dell’emivita plasmatica del farmaco.

Liraglutide stimola la secrezione di insulina in modo glucosio-dipendente e contemporaneamente riduce la secrezione elevata di glucagone. Pertanto, quando la glicemia è elevata, la secrezione di insulina viene stimolata mentre viene inibita quella di glucagone. Per contro, durante l’ipoglicemia, liraglutide riduce la secrezione di insulina e non ostacola quella di glucagone. Il GLP-1 è inoltre un regolatore fisiologico dell’appetito e dell’assunzione di cibo, ma l’esatto meccanismo d’azione non è completamente chiaro.

L’efficacia e la sicurezza di Victoza sono state studiate in diversi studi clinici controllati con placebo tra cui uno studio clinico che ha arruolato 134 pazienti pediatrici con diabete di tipo 2 di età pari o superiore a 10 anni della durata di 26 settimane. Circa il 64% dei pazienti ha avuto una riduzione dell’emoglobina A1c (HbA1c) inferiore al 7% dopo la somministrazione di Victoza, rispetto al solo 37% che ha raggiunto questi risultati con il placebo. HbA1c o emoglobina glicata è un esame del sangue che viene eseguito per identificare la concentrazione plasmatica media del glucosio nel sangue. Il valore percentuale di HbA1c ematica deve essere mantenuta a concentrazioni inferiori al 7% e ciò sta ad indicare un migliore controllo della malattia.

La FDA ha concesso a Victoza la Priority Review.

La FDA ha concesso l’approvazione di Victoza a Novo Nordisk.

Ti è piaciuto il post?

Iscrivi alla newsletter per rimanere aggiornato